Casa Digitale del Cittadino
Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Rinunce, decadenze e assenze

La rinuncia è l’atto formale con il quale il genitore/tutore/affidatario esprime la volontà di interrompere la fruizione del servizio. L’atto scritto è necessario per permettere la corretta gestione della disponibilità dei posti e il conseguente scorrimento della graduatoria.
Per rinunciare al servizio occorre presentare dichiarazione scritta al Municipio territorialmente competente, utilizzando il modulo presente all’interno della sezione Modulistica.

Se la rinuncia è presentata entro il 20 del mese precedente a quello in cui si intende interrompere la fruizione del servizio, la contribuzione è dovuta fino all’ultimo mese di frequenza. Per le rinunce presentate oltre il 20 del mese, invece, l’obbligo della contribuzione decade alla fine del mese successivo.

La decadenza è un istituto giuridico, indipendente dalla volontà dell’utente, in forza del quale si perde il posto acquisito al nido.

È considerato motivo di decadenza:

  • la mancata formale accettazione del posto da effettuarsi online entro il 28 maggio 2022;
  • le assenze dell’utente superiori a 10 giorni consecutivi e non giustificate per iscritto.

In linea con le indicazioni del DM n. 80 del 3/08/2020, confermate nel Piano Scuola 2021/2022 approvato con DM n. 257 del 06/08/2021, dopo assenza per malattia superiore a 3 giorni (senza conteggiare i giorni festivi finali e iniziali dell’assenza), la riammissione nei servizi scolastici dell’infanzia sarà consentita “previa presentazione della idonea certificazione del Pediatra di Libera Scelta (PLS) o del Medico di medicina generale (MMG), attestante l’assenza di malattie infettive o diffusive e l’idoneità al reinserimento nella comunità scolastica”.

Nel caso di alunni con infezione accertata da virus SARS-COV-2, i PLS/MMG provvedono a fornire la certificazione necessaria per il rientro a scuola, ai sensi dell’Ordinanza 65/2020 e della DGR 17 novembre 2020, n. 852.

Le assenze dovute a motivi diversi da malattia dovranno essere preventivamente comunicate dalla famiglia alla scuola che, solo in questo caso, non dovrà richiedere il certificato per la riammissione.

La mancata regolare contribuzione entro la fine del mese di giugno dell’anno di frequenza del/della bambino/a comporta l'automatica decadenza per l'anno successivo, che dovrà essere tempestivamente preannunciata (dieci giorni di preavviso), a cura dell’Ufficio Nidi del Municipio, sia al nido sia ai genitori della bambina o del bambino utente. I pagamenti saranno comunque riscossi dall’Amministrazione Capitolina nelle forme previste dalla legge”. Ciò, ovviamente, varrà anche per il mese di giugno, in assenza di iscrizioni a nessuna delle due quindicine del mese di luglio.

Modulistica
Ti potrebbe interessare anche
Torna all'inizio del cotenuto