Segnala
Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Piscina viale Giustiniano Imperatore, presentato vincitore bando concessione

Tematica: Sport - Impianti Sportivi - Realizzazione attività sportive

26 settembre 2019

 

Presentato il vincitore del bando di concessione della piscina di viale Giustiniano Imperatore (zona San Paolo-Garbatella), annunciato a inizio mese in base alla graduatoria dei partecipanti alla gara. E’ la S.rl. Maximo che d’ora in avanti gestirà l’impianto al civico 199 del viale; impianto rifatto nel 2010 nell’ambito del piano di riqualificazione dell’area, con vasca di 25 metri e 6 corsie.

 

“Prosegue dunque l’iter normativo delineato dal Regolamento per gli Impianti Sportivi di proprietà comunale”, afferma il Campidoglio in una nota, “che prevede l'espletamento di procedure ad evidenza pubblica per l’assegnazione delle strutture sportive di Roma Capitale”.

 

“Il bando dell’impianto di via Giustiniano Imperatore”, ha sottolineato l’assessore Daniele Frongia (Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi Cittadini), “è stato correttamente redatto ed eseguito, il canone finalmente sarà adeguato al mercato corrente” e l’impianto sarà gestito con “qualità tecniche, sociali e agonistiche certificate durante la gara”. Per Frongia si prosegue così a “moltiplicare buone pratiche e concessionari virtuosi, così come la macchina amministrativa finalmente ripartita e attiva sta dimostrando di fare”.

 

“Il bando di gara ha premiato il progetto con il miglior rapporto qualità/prezzo”, osserva dal suo canto Angelo Diario, presidente della X Commissione capitolina (Sport, Benessere e Qualità della Vita). “Roma Capitale riparte da regole chiare, certe ed esaustive e da bandi di gara meritocratici e trasparenti”. La nuova gestione, afferma Diario, “non andrà in alcun modo a intaccare l’assetto organizzativo dell’impianto e il lavoro del personale già presente”. E conclude: “Ogni concessione deve far sì che l'aspetto squisitamente gestionale si coniughi al meglio con il legittimo interesse pubblico a conduzioni sane e realmente protese a favorire la pratica sportiva”.

 

RED

Torna all'inizio del cotenuto