Segnala

Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Mense scolastiche, secondo incontro con famiglie bambini nidi e scuole infanzia. Insieme il nuovo bando

Tematica: Scuola - Ristorazione scolastica e diete speciali - Nido - Scuola dell' infanzia

13 settembre 2019

 

Si è tenuto in Campidoglio il secondo incontro pubblico tra l’Amministrazione capitolina e le famiglie sul tema delle mense a scuola. Presenti ancora una volta il garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Lazio Jacopo Marzetti, l’assessora capitolina Laura Baldassarre (Persona, Scuola e Comunità Solidale) e la presidente della Commissione Scuola, Teresa Zotta. Obiettivo: condividere e migliorare il testo del nuovo bando per l’affidamento del servizio nel periodo 1 settembre 2020 – 31 luglio 2025.

 

Il dibattito, fortemente partecipato dai genitori presenti, si è concentrato sulla fase propositiva. Fase che il Campidoglio vuole affrontare insieme a genitori, lavoratrici e lavoratori. E dunque le istituzioni presenti, dopo aver descritto i caratteri essenziali della bozza di nuovo bando e delineato novità e punti di forza, hanno incoraggiato le famiglie a formulare suggerimenti e idee. Si tratta – sottolinea una nota dell’Assessorato Persona-Scuola-Comunità Solidale – della “prosecuzione logica del percorso già avviato che, recependo le osservazioni delle parti coinvolte, ha contribuito alle direttive assessorili del 2017”.

  

I genitori hanno manifestato interesse e apprezzamento per le sezioni dedicate alla riduzione dell’impatto ambientale e all’appropriatezza del gradimento sensoriale al momento del pasto, così come l’impulso alla sinergia istituzioni-famiglie. Quest’ultima prenderà forma attraverso canali dedicati: si pensa a un sito web specifico e ad una Carta dei Servizi, da redigere come strumento informativo e complementare all’attività degli operatori specializzati di scuole dell’infanzia e nidi.

 

“Abbiamo sempre considerato una risorsa le proposte che ci provengono dai genitori e dai lavoratori, cioè dalle persone più vicine ai bambini”, spiega l’assessora Baldassarre. “Questo fin dalla stesura delle direttive agli uffici che, quindi, hanno operato scelte amministrative rispondenti ai suggerimenti dei comitati delle famiglie, dei sindacati, dei dirigenti scolastici, raccolti nelle varie sequenze partecipative. E’ nostra intenzione affidare il servizio di refezione sulla base di un bando condiviso”.

 

RED

Torna all'inizio del cotenuto