Segnala

BETA
Regione Lazio
Translate

Use Google to translate the web site.
We take no responsibility for the accuracy of the translation.

Portale Beta 

Scuola, intesa Campidoglio-sindacati per stabilizzare le maestre precarie

Tematica: Scuola - Educatori - Insegnanti - Nido - Scuola dell' infanzia

30 luglio 2018

 

Avviato un nuovo percorso per la stabilizzazione delle maestre precarie delle scuole dell’infanzia e degli asili nido di Roma Capitale. Siglato in Campidoglio un accordo tra l’Amministrazione Capitolina e le organizzazioni sindacali (FP CGIL, CISL FP, UIL FPL, USB, CSA Regioni Autonomie Locali, RSU di Roma Capitale) che porterà alla pubblicazione di un bando per la formazione di una graduatoria unica del personale supplente e scolastico.

 

“Il primo atto di questa amministrazione a luglio 2016 è stato la stabilizzazione di 1200 maestre. E’ nostra volontà proseguire su questa strada per dare dignità e risposte concrete ad altre migliaia di persone, garantendo al tempo stesso un sistema scolastico ed educativo efficiente. Crediamo fortemente nella certezza dei contratti e nella continuità didattica. Roma Capitale, la pubblica amministrazione più grande d’Italia, vuole porsi come modello di riferimento e intende combattere fortemente il precariato, in linea anche con le politiche del Governo”, afferma la sindaca Virginia Raggi.

 

“L’intesa con le sigle sindacali è la prosecuzione di un percorso virtuoso di stabilizzazione orientato a dare certezza lavorativa a migliaia di maestre precarie. Roma Capitale, attraverso ogni forma di interlocuzione istituzionale, continuerà a lavorare per la salvaguardia di tutto il personale presente nelle graduatorie esistenti. Continuiamo a dare soluzioni al delicato tema del precariato, un problema che potrà essere superato in modo definitivo attraverso progressivi interventi di carattere normativo”, afferma Antonio De Santis, delegato della Sindaca al personale.

 

E’ stato aperto anche il confronto per la definizione di un regolamento specifico sugli incarichi a tempo determinato, con l’obiettivo di superare per la prima volta in Italia in concetto di “lavoro a chiamata”.

 

RED

Torna all'inizio del cotenuto